Quel mostro continuava a logorarla come uno spettro, come un’ombra silenziosa che non lasciava mai la sua mente.
Si era illusa innumerevoli volte che il cambiamento potesse essere una sorta di cura e lei, con entusiasmo, aveva affrontato la sfida, fatto progetti, si era gettata tra le braccia di nuovi amori.
Si era illusa per davvero, ma quel maledetto senso di colpa non aveva alcuna intenzione di lasciarla andare, non le avrebbe mai concesso di redimersi, non le poteva permettere di perdonare, fino in fondo, se stessa.

 

3 thoughts on “Ombre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *