Non credo sia facile scrivere racconti riuscendo a concentrare la narrazione in poche pagine e senza far perdere spessore alle storie ed ai personaggi; è un genere a cui, anche come lettori, bisogna avvicinarsi ed abituarsi, ma credo che Emanuela Esposito Amato ci regali una serie di storie molto scorrevoli in grado di coinvolgere il lettore e farlo riflettere su temi davvero importanti e profondi.
Dopo “Il diario segreto di Madame B.” – di cui potete trovare la recensione sfogliando il sito – la scrittrice ha pubblicato, per la casa editrice Homo Scrivens, la raccolta “Lui dorme e altri racconti”. Si tratta di nove brevi storie, molto diverse tra loro, che hanno, in prevalenza, alcune donne come protagoniste. Con semplicità, abilità narrativa ed estrema delicatezza, l’autrice dipinge i suoi personaggi – madri, mogli, fidanzate, amiche – riuscendo a descriverne le difficoltà, i sogni, i successi, le delusioni e talvolta, i drammi esistenziali.

A legare alcuni racconti tra loro sono proprio i temi trattati, mostrati sotto diverse prospettive e punti di vista. Il cibo, per esempio, che in “Lui dorme” diventa il rifugio della protagonista di fronte al vuoto procurato da una sempre più triste realtà familiare, ma che è invece il grande talento di Livia, la provetta cuoca protagonista di “Un favore soltanto…” e che rappresenta per lei un’occasione di svolta professionale.
La musica per Milena, la pianista protagonista del racconto “Rapsodia”, è l’arte a cui dedica la vita, sebbene, come maestra in una scuola, si ritrovi con la frustrazione di insegnare a giovani pianisti senza talento, avendo a che fare con genitori che li considerano dei fuoriclasse. Per contro, nel racconto “Il lago dei Cigni”, la giovane madre di Iris non vuole negare la realizzazione di un sogno alla figlia, la partecipazione al saggio di danza, e, non potendo sostenere economicamente l’iscrizione, è pronta a fare ogni tipo di sacrificio.
Ci sono, poi, i tanti rapporti umani, fulcro di ogni storia scritta o vissuta. Le amiche d’infanzia che si ritrovano dopo tanti anni nel racconto “Tracce di vita” o che si frequentano abitualmente, ma scoprono di sopportarsi sempre meno, come accade alle tre protagoniste di “Tabula rasa”. Gli amori, feriti e violenti come quello che caratterizza il matrimonio in crisi descritto in “Lui dorme” o come quello che alimenta il desiderio di vendetta di Eva nei confronti dell’ex compagno, che le ha rovinato la vita, nel racconto intitolato “Resti di niente”, ma anche amori pronti a nascere, carichi di desiderio e sentimenti vivaci.

Ci troviamo di fronte a tante storie realistiche – l’autrice ha dichiarato che alcuni racconti sono nati proprio a partire dalla semplice osservazione di episodi di vita quotidiana – storie che tante donne vivono ed in cui certamente le lettrici si sono potute e si potranno immedesimare con estrema spontaneità.
Devo infine ripetere quanto scritto nella recensione del primo romanzo di Emanuela Esposito Amato perché ho nuovamente apprezzato molto il suo stile narrativo: una scrittura semplice e diretta che, senza tanti fronzoli, riesce ad immergere il lettore nella trama dei racconti e ad accompagnarlo dentro le dinamiche di ciascuna storia. La stessa essenzialità si ritrova nelle frequenti descrizioni, manifestando la capacità della scrittrice di dare notevole spessore ad ambienti, situazioni e personaggi, pur con poche semplici parole.

L’autrice

Emanuela Esposito Amato è nata e vive a Napoli.
Durante e dopo gli studi universitari ha vissuto e lavorato a Parigi.
Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne è docente di Francese.
Ha pubblicato racconti sulle riviste “Inchiostro” e “Il Segnalibro” (2002).
Ha vinto il primo premio del concorso letterario “Da donna io racconto”, edizione 2004 con il racconto “Lui dorme”. Si è classificata al terzo posto nel concorso letterario “costadamalfilibri” 2019 con il suo romanzo “Il diario segreto di Madame B.” che, nel luglio 2020, ha vinto il premio MarediCosta.

La scheda del libro

Autore: Emanuela Esposito Amato
Titolo: LUI DORME e altri racconti
Editore: Homo Scrivens
Collana: Direzioni immaginarie
Pagine: 125
Data di pubblicazione: 30 gennaio 2020
Genere: Narrativa contemporanea

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *